28 novembre 2017

Strange Museums

musei strani

Le gallerie e le collezioni più strane del mondo.

 

Sottomarini, sotterranei, semplicemente strani.

Sono i musei più bizzarri del mondo.

Luoghi unici in cui rare (e talvolta improbabili) collezioni trovano spazio.

 

A Cancún, in Messico, c’è un museo dove – per accedervi – staccare il biglietto d’ingresso non basta.

Per poter ammirare la collezione scultorea del MUSA (Museo Subacqueo de Arte) è necessario munirsi di attrezzature da sub e lasciarsi condurre in un’immersione guidata che porterà alla scoperta di 500 statue adagiate sul fondale marino.

 

Anche a Parigi c’è un museo che chiede ai suoi visitatori di calarsi sotto la superficie del suolo: è il Musée des Egouts. Protagonisti di opere letterarie tra cui I Miserabili di Victor Hugo, ora i condotti fognari diventano attrazione turistica: i visitatori, attraverso un percorso lungo 500 metri, ripercorrono la storia della Ville Lumière raccontata attraverso l’evoluzione del suo sistema fognario.

 

Di tutt’altra natura e – a tratti – sovrannaturale, il Museo delle anime del Purgatorio di Roma, una piccola ma suggestiva raccolta che testimonierebbe l’esistenza del purgatorio attraverso documenti originali e oggetti sulla cui superficie si scorgono immagini acheropite che si dicano appartengano ad anime erranti che vogliono mettersi in contatto con i vivi per chiedere preghiere in suffragio.

 

E se il Brokenship di Zagabria espone una collezione di oggetti di varia natura divenuti simbolo di una relazione interrotta, a Bologna c’è un museo che non nutre solo la mente ma anche il corpo: il Museo del Gelato offre ai suoi visitatori un percorso interattivo e dinamico che comprende anche dolci degustazioni.

 

Gli amanti del vino, infine, non potranno mancare una visita al Museo del Cavatappi di Barolo, Cuneo: non solo un percorso didascalico che racconta la storia di questo utensile ma anche un compendio di curiosità e stravaganza in cui ammirare gli esemplari più originali mai realizzati.