7 aprile 2016

Cibo e vino. I condimenti nell’abbinamento cibo-vino

anteprima

Qual è il corretto abbinamento tra cibo e vino? Possiamo trovare molte nuove risposte a questa domanda, ma la risposta principale è molto semplice: concentratevi sui vostri gusti e sensi per trovare il corretto abbinamento tra cibo e vino. Probabilmente avete sentito parlare di regole da seguire per il corretto abbinamento, come il vino bianco si accompagna alle carni bianche (pesce, pollame) e il vino rosso alle carni rosse (manzo, agnello, cacciagione). FALSO! Queste vecchie regole di base non sono più valide. L’ingrediente principale di un pasto non è più quello decisivo per l’abbinamento perfetto con il vino.

 

Il vino deve essere considerato come un nuovo componente del pasto, mentre l’elemento principale è il condimento del vostro piatto.

 

“Il condimento è il cuore di ogni piatto”.

Il motivo è dovuto alle sensazioni legate a ogni singolo sapore che siamo in grado di percepire con la lingua. Prendiamo ad esempio un filetto di manzo arrostito, tradizionalmente abbinato a vino rosso. Ma se la carne è accompagnata da funghi porcini fritti in salsa cremosa, allora l’abbinamento migliore diventa uno Chardonnay invecchiato invece di un vino rosso.

Il segreto: riconoscere le componenti del gusto del vino e, allo stesso tempo, imparare a distinguere i singoli ingredienti nei cibi. La capacità di capire come il gusto del vino cambia in base al cibo che entra in contatto con le vostre papille gustative è l’aspetto principale per trovare il perfetto abbinamento tra cibo e vino.

I componenti del condimento che possono essere modificati in base alle caratteristiche di un particolare vino: acidità, dolcezza, caramello, corposità, amarezza e salinità.

Le spezie possono esaltare il sapore del cibo per riduzione: chili, contenuto di sale, spezie ed erbe particolari, umami e aromi.

 

Quello che mi piace di più del Prosecco Superiore è che nella maggior parte dei casi si sposa perfettamente con qualsiasi cibo e con tutte le occasioni.

Il motivo è semplice: i vini frizzanti non sono solo ottimi vini adatti per le feste, come vengono considerati da molti, ma sono vini che si abbiano ai cibi in modo molto versatile.

Un prosecco extra dry si abbina perfettamente a formaggi freschi, antipasti, pollame o cibo asiatico.

Un brut si sposa meglio di qualunque altro vino con i frutti di mare, come gamberetti, granchio, aragosta, ma anche con la carne di manzo o di maiale e persino con i dolci.