20 marzo 2017

Conegliano Valdobbiadene candidato a Patrimonio Unesco

conegliano valdobbiadene unesco

C’è un luogo unico in Italia e nel mondo.
È un luogo dove i borghi e i palazzi sono arroccati come splendide perle preziose, e le colline scivolano morbidamente fin dove lo sguardo si perde.
È un luogo dove l’orizzonte delicato mescola le sfumature dei verdi e dei gialli, disegnando splendidi paesaggi ad acquerello.

 

Conegliano Valdobbiadene è il cuore pulsante del Prosecco DOCG, un territorio alle pendici delle Prealpi, dove si respirano forte la cultura e il lavoro, la tradizione e l’arte, la storia e l’amore per la terra e per i suoi prodotti.

Un territorio speciale, e – per questo – candidato dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco ad entrare nella Lista dei Siti Patrimonio dell’Umanità.

Una notizia, quella della candidatura, che rappresenta un passo importante.

“Un riconoscimento che riceviamo con orgoglio – dice il Presidente del Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG, Innocente Nardi – perché risponde all’impegno che quotidianamente ogni abitante di Conegliano Valdobbiadene dedica a questa terra rendendola unica”.

 

Il percorso di Conegliano Valdobbiadene verso la candidatura a Sito Unesco fu avviato nel 2008. Due anni dopo – nel 2010 – questo straordinario territorio collinare raggiunse il primo traguardo, essendo inserito nella Tentative List Italiana.

La decisione definitiva in merito all’ammissione di Conegliano Valdobbiadene alla lista dei Siti Unesco arriverà entro agosto 2018, quando a Parigi – sede dell’Unesco – sarà decretato il verdetto internazionale.